Blog

ECOBONUS 2020 AL 110%
  • 09/05/2020
  • Amministratore
  • News & Eventi
  • 1590
  • 0

ECOBONUS 2020 AL 110%

Ecobonus al 110%: un'opportunità per l'efficientamento energetico (e per l'Italia)

Si sta parlando in questi giorni, e scopriremo il tutto la prossima settimana cosa sarà contenuto nel Decreto Rilancio, della possibilità di utilizzare, tra i vari strumenti per rilanciare l'economia, un Ecobonus al 110%.

Una misura shock che diverrebe il volano - dalla parte dell'edilizia - per il nostro paese.Il contributo dovrebbe riguardare tutti i lavori relativi al risparmio energetico e per la messa in sicurezza anti-sismica.Il bonus, che è ancora al vaglio dell'Esecutivo, prevederebbe detrazioni per specifici lavori di efficientamento energetico e tutela ambientale pari al 110% per le opere e gli impianti di ristrutturazione immobiliare su case e palazzi.

L'idea è quindi quella di consentire interventi di riqualificazione energetica o sismica a costo zero per le famiglie, grazie a un credito d'imposta del 110% alle imprese che faranno i lavori con la possibilità eventuale, per i privati, di accedere allo sconto in fattura.

ECOBONUS 2020 AL 110%

Ecobonus 2020 110%: Cosa significa?

Il Governo ha messo in atto una misura che prevede di restituire a chi procederà alle opere di ristrutturazione, un bonus che spalmato in cinque anni, restituirà più di quanto si è effettivamente speso, pur di aiutare le aziende messe ormai in ginocchio dell'emergenza sanitaria legata al Covid-19.

Le misure sono contenute nella bozza del decreto anti-covid di maggio e dovrebbero essere esecutive già dalla prossima settimana.

ECOBONUS 2020 AL 110%

Ecobonus 2020 110%: Cosa Cambia?

L'attuale ecobonus prevede una restituzione del 65% di quanto speso per la ristrutturazione della casa, in un arco temporale di dieci anni. La nuova misura, invece, come spiegato poc'anzi, andrebbe a restituire più della somma investita, nella metà del tempo. Si tratta di una scelta molto forte e, indubbiamente, molto appetibile per coloro che hanno in programma di ristrutturare la propria abitazione. Ovviamente si parla di misure che riguardano chi adotterà soluzioni green, a basso impatto ambientale.

La sostituzione di una vecchia caldaia è incentivate al 65% solo se quella nuova è del tipo a condensazione di classe A o integrata con pompa di calore, negli altri casi si scende al 50%. Il nuovo bonus riguarderà anche lavori come l'installazione dei pannelli solari o del fotovoltaico.

Come immaginabile, le associazioni edili hanno accolto favorevolmente questa nuova proposta del Governo, arrivando anche prevedere una carta con suggerimenti utili alle istituzioni, volte a migliorare questi incentivi.

Si tratta di una carta, suddivisa in punti dove vengono segnalati i nodi principali che potrebbero creare problemi a livello burocratico e una sorta di "Piano Marshall" volto ad individuare e coinvolgere i Comuni, per dare avvio ad una seria e competente riqualificazione del territorio.

Per saperne di più, chiamaci pure allo 0744/722437

Oppure contattaci

Top